Il 21 febbraio 2013 viene costituita un’associazione di giovani ad Ortona, l’ACGO, formata da un gruppo di ragazzi orgogliosi delle proprie origini e desiderosi di offrire un proprio contributo concreto e valido sul territorio.

Il successivo 16 marzo si presenta alla cittadinanza ortonese e da quel momento in poi una serie di iniziative vengono pian piano realizzate.

 Come da Statuto, l’associazione mette in campo le sue ‘’risorse’’, a mo’ di volontariato, sia per dar vita ad eventi culturali e sociali ma anche per quelli sportivi, questi ultimi resi possibili grazie all’affiliazione allo CSEN (Centro Sportivo Educativo Nazionale).

 

Nel 2013, gli eventi di maggior rilevanza sono stati la conferenza sulla Storia di San Tommaso Apostolo, la partecipazione alla prima edizione del Music In Ortona e la realizzazione della mostra personale di Franco Sciusco. Inoltre, in occasione della Giornata Mondiale per l’eliminazione della violenza sulle donne del 25 Novembre, l’associazione ha ideato e messo a punto un video-spot presente in rete e mandato in onda anche sulla rete locale Rete8.

 

Nel 2014, invece, l’associazione ha collaborato con Edoardo Di Pierro nella realizzazione del videoclip ‘’Ma il cielo è sempre più blu’’ cantato dagli ortonesi, ha organizzato la prima simulazione di salvataggio in mare con l’Unità Cinofila ‘’Sea Rescue Dog’’ e con la Croce Rossa Italiana di Ortona presso lo stabilimento balneare “La Riccetta”.

 

L’associazione ha inoltre partecipato alla seconda edizione del Music In Ortona e ha effettuato un importante convegno sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza del 20 novembre, tema scelto anche per il video-spot proiettato presso il Polo Eden di Ortona.

Per concludere, l’associazione ha chiuso l’anno con il Babbo Natale in piazza con la collaborazione del Vibe Dancefloor. Per quest’ultimo evento, l’associazione non ha chiesto alcun contributo monetario se non delle semplici caramelle per i bambini. Questo per far capire che se si vuol fare davvero qualcosa ad Ortona, anche con poco e senza fondi, si riesce a fare eventi di una ‘’certa portata’’.

 

A partire dal 2014, l’associazione ha voluto introdurre il cosiddetto premio di ‘’Ortonese Doc’’ che verrà concesso, anno dopo anno, al personaggio locale che più si è distinto.

Il primo ad essere premiato è stato il salesiano Don Luigi Giovannoni, per tutti ‘’Don Gigi’’.

 

Per il 2015 l’Acgo, in particolare, ha proposto delle lezioni formative sul Primo Soccorso nelle scuole superiori ITC e IPIA di Ortona con la collaborazione della Croce Rossa (Sez, di Ortona), il concerto di Danilo Sacco presso il Teatro F.P. Tosti di Ortona, la mostra collettiva di arte figurativa ‘’Piccoli Geni’’ seguiti da Franco Sciusco e, per il secondo anno consecutivo, la simulazione di salvataggio in mare con i cani-bagnino.

L’associazione ha inoltre collaborato durante il corteo storico della Dama delle Chiavi d’argento e ha partecipato alla terza edizione del Music in Ortona.

 

Durante questi due anni, l’associazione ha protocollato delle richieste al comune tra i quali, nei giorni successivi alla nascita della stessa, l’assegnazione di un locale di proprietà comunale per lo svolgimento delle attività sociali e, a Ottobre, l’affidamento del campetto sito a Fonte Grande, senza alcun compenso monetario, al fine di organizzare eventi sportivi tutelando e promuovendo così delle iniziative a favore dei giovani, e di controllare che tutto funzioni nella norma. Per chi voglia consultarla, l’ACGO tutt’oggi ha la bozza della convenzione nella quale vedeva a suo carico i costi, la responsabilità, senza mai poter ricavare nulla e per tali motivi l’associazione ha rifiutato tale convenzione.

 

A inizio anno 2014, l’ACGO ha richiesto l’affidamento del parco giochi di San Giuseppe (Piazza del Popolo) al fine di custodire al meglio il parco vista la mancanza di un custode e, nell’estate 2014, l’assegnazione del locale di proprietà comunale sito nella zona artigianale non solo per lo svolgimento delle attività sociali e culturali, ma anche per poter creare posti di lavoro per i giovani grazie all’inserimento di un bar. Per quest’ultima richiesta, all’associazione era stato detto che il locale non poteva essere assegnato a nessuna associazione invece, nel giro di poco tempo, è stato affidato.

Dunque, in conclusione, le suddette richieste effettuate dall’associazione, non hanno avuto buon fine.


Di Lizio: “In due anni di presidenza molti erano sarcastici sui mio ed il nostro operato. Avrò fatto errori, probabilmente ne farò altri ma da questi si trae insegnamento. Tra l’altro ho avuto e ho la fortuna di avere attorno ragazzi che mi sopportano e supportano sia nei brutti che nei bei momenti. A tutti i ragazzi voglio dire che quando qualcuno non crede in voi, fate ugualmente ciò che credete sia giusto fare. Chi scredita è perché vorrebbe essere come voi”.

Conclude: “Mi aspettano altri 3 anni di carica e darò ancora tutto me stesso per far si che i giovani rendano Ortona la città meravigliosa che tutti vorrebbero avere”.


28.07.2015


Link utili:

Utilizza il nostro 

QR CODE per collegarti al nostro sito web

con il tuo smartphone.

Per qualsiasi info, inviateci una email

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti