Il noto e quotato artista ortonese, Franco Sciusco ripercorre i 35 anni della sua arte.

Una storia, che nasce, cresce e continua ad Ortona, sintetizzata in una personale che sarà allestita alla sala espositiva del teatro Tosti  e che durerà da domenica 15 dicembre, giorno dell'inaugurazione della mostra alle ore 18, a sabato 21 dicembre, chiusura della stessa con la presenza speciale di Babbo Natale. Gli altri giorni, la mostra sarà aperta al pubblico dalle ore 17 alle ore 20.

Sciusco, un nome nel panorama artistico nazionale, ma anche europeo e internazionale, propone una ventina di opere significative e che segnano la sua carriera: bozzetti, studi, pittura a olio su tela, insomma lavori di fine anni 70, anni ottanta, con proposte anche di oggi, come gli strappi su cartone. Ci saranno degli studi del Teatro Vittoria per disegni poi adoperati per la brochure della riapertura al pubblico del teatro pochi anni fa, delle opere esposte nella sua prima personale dedicata alla memoria di suo padre, nel 1980. 

“La maggior parte delle opere che propongo”, commenta l'artista poco più che 50enne,“sono incentrate sulla mia città Ortona. L'arte nasce dove meno te l'aspetti”, aggiunge, “anche in un piccolo paese di Provincia. L'importante è che siano i quadri a muoversi e non tanto l'artista”. Ed infatti le opere di Sciusco sono presenti nei maggiori musei a livello mondiale. La retrospettiva di Sciusco è promossa dall'Associazione Culturale Giovani Ortonesi (Acgo),presieduta dal giovane presidente Claudio Di Lizio, che ha voluto omaggiare il grande artista ortonese.

“Mi fa piacere che sia apprezzato anche dalle giovani generazioni” conclude Sciusco, “le mie rughe sulla fronte non sono rughe ma segni utili, non sono opere d'arte, ma servono per realizzarle”.

 

13.12.2013


Link utili:

Utilizza il nostro 

QR CODE per collegarti al nostro sito web

con il tuo smartphone.

Per qualsiasi info, inviateci una email

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti